Dreamland: il bilancio di un anno e mezzo di attività

Il nr. 1 di Dreamland è uscito in download nel novembre 2017, esattamente un anno e mezzo fa. Giunti a questo punto, appare doveroso fare uno spassionato bilancio della nostra avventura, estrapolando i dati, nudi e crudi, così come risultano archiviati dal nostro sito, creato con la piattaforma di WordPress sul finire del 2017, sulle … Continua a leggere Dreamland: il bilancio di un anno e mezzo di attività

Come una fenice. Più forti che mai

Circa un anno fa ha chiuso i battenti ASPIS (l’Associazione per il Progresso Interdisciplinare delle Scienze), di cui io e Gianluca facevamo parte. Lasciando da parte i motivi che ne hanno determinato lo scioglimento (credo non interessi a nessuno conoscere le ragioni, se non a chi ha sempre remato contro dall’esterno, e comunque continuerà per … Continua a leggere Come una fenice. Più forti che mai

XPublishing: il diritto e il dovere di proseguire

Che la gente legga sempre meno è un dato di fatto. Così pure, di conseguenza, che la piccola editoria, soprattutto quella settoriale, sia in crisi ormai da anni. I fattori scatenanti sono comunque anche altri (costo della stampa e distribuzione su tutti) e non è certo questa la sede per discutere dell’annosa questione. Abbiamo visto … Continua a leggere XPublishing: il diritto e il dovere di proseguire

Caral, tra ostriche psicotrope ed echi d’Oriente

A una ventina di chilometri dalla costa del Pacifico, nella valle di Supe in Perù, quella che oggi è la provincia di Barranca, c’è il sito archeologico di Caral, uno degli insediamenti urbani più antichi delle Americhe. Scoperta sul finire degli anni Quaranta del secolo scorso dallo storico Paul Kosok dell’Università di Long Island, Caral … Continua a leggere Caral, tra ostriche psicotrope ed echi d’Oriente